Logo

Dal 29 Gennaio 2017 al 28 Febbraio 2017 Dalle 11 a.m. alle 7 p.m.

Luogo: Spazio Y Quadraro


Comunicato stampa

Primarosa Cesarini Sforza e Lea Contestabile allo "Spazio Y" dal 29 gennaio al 28 febbraio 2017
Testo critico di Bruno Aller

Inaugurazione domenica 29 gennaio ore 11.00

La presenza allo “SpazioY” di Primarosa Cesarini Sforza e Lea Contestabile è una nuova manifestazione di un sodalizio iniziato otto anni fa nella galleria “Arte e Pensieri” di Roma, e sviluppatosi senza sosta lungo un percorso che ha toccato, da Roma,  Istanbul, Madrid, Bilbao, Spoleto. Tra le due esiste un rapporto artistico che comprende più di una condivisione, non ultima la profonda assonanza tra i linguaggi scelti e indagati, il senso politico di fare arte, tanto che in più occasioni sono state definite come “sorelle gemelle”. Al di là di questo elemento stanno però le diversità che corrono tra loro, proprio per la “libertà” e le possibilità di scelta dei linguaggi utilizzati. Lea e Primarosa appaiono come due distinte protagoniste con la propria “storia” per lo stesso “romanzo da narrare”, e anche i principi formativi, se non opposti, risultano senz’altro distanti, ed i singoli approdi sono evidentemente ben distinguibili sia nella forma che nel contenuto, come nelle opere presenti allo Spazio Y.


Testo di Bruno Aller (scarica)

Allo “SpazioY” la presenza di due artiste come Primarosa Cesarini Sforza e Lea Contestabile è già di per sé un dato da registrare e su cui riflettere, in quanto pur nella breve ma intensa “vita” di questo spazio (che per la sua natura autogestita si configura come luogo autentico & alternativo) dimostra per scelte e progetti dei soci promotori (artisti anch’essi) un processo di crescita artistico-politico non scontato né marginale, in un contesto di involuzione-culturale-economica che da anni corrode  la società del nostro paese, (ma forse potremmo, fatte le dovute proporzioni, condividere ciò con ogni parte del “mondo” dominato dalla finanza del post-capitalismo).

L’ “incontro” di Lea e Primarosa è avvenuto ormai più di otto anni fa nella galleria “Arte e Pensieri” di Roma in un duale dal titolo evocativo “sguardi riflessi”. Questo incontro ha stabilito tra le due artiste un sodalizio che procede e si sviluppa senza sosta e questa ulteriore mostra lo conferma; ricordo tra le altre loro esposizioni oltre a Roma, Istanbul, Madrid, Spoleto. Tra le due un rapporto artistico, dicevo, che comprende più di una condivisione, non ultima la profonda assonanza tra i linguaggi scelti ed indagati, il senso politico di fare arte. 

Già molto è stato scritto su di esse come “sorelle gemelle” sottolineato da Antonello Rubini a Carlo Fabrizio Carli, o colto e approfondito dai testi di Anna Cochetti ed altri. Pur condividendo di fondo questa sostanziale “similitudine” penso che non sia  però raro individuare le discrepanze e le diversità che corrono tra loro, proprio per la “libertà” e le possibilità di scelta dei linguaggi utilizzati. Il profilo di ognuna è ben preciso e “leggo” nelle rispettive opere quasi un controcanto sia del proporre che del fare. In Lea e Primarosa vedo due protagoniste con la propria “storia” per lo stesso “romanzo da narrare”. A volte poi anche i principi formativi se non opposti risultano senz’altro distanti, ed i singoli approdi sono evidentemente ben distinguibili sia nella  forma che nel contenuto come nelle opere qui presenti allo Spazio Y.

La Contestabile propone una installazione strutturata su più livelli e spazi anche temporali, assemblando opere, sagome, silhouette con  ceramiche e trame con ricamate-poesie, colte e tessute dal più profondo intimo vissuto, un vissuto approfondito senza dicotomie tra segno e sogno tra quotidianità e narrazione, un casellario reiterato interconnesso tra il mondo dei piccoli ritratti ovali fatto di nonni zie e nipoti cuciture ri-cuciture, restauri di vite e ricami preziosi, doni da curare, una cura della memoria da rinnovare, una cura per ogni giorno e per ogni  notte, un sentimento da non cancellare, una memoria composta ma non ferma, forte da far leggere come muro impalpabile di un filo di refe, di seta e di ferro e piombo, una preghiera per ripartire, affetti da custodire come fuoco per una forgia mai spenta, un antropologia vera ed immaginifica, riletta in un ex-voto oltre la soglia del conforto, altra tessera per un mosaico fatto di perle sempre luminose, illuminanti sgranano racconti dove si culla si forma e s’è formata Lea, il suo-nostro mondo fino all’alba della propria coscienza-conoscenza. In Lea esiste un disegno “politico” trasversale che dal privato muove al pensiero condiviso ed al centro pone come oggetto il recupero di una cultura sociale, per una attiva  coscienza collettiva che sappia riconoscere e vivere  la  propria identità e le proprie radici.

La Cesarini Sforza presenta tre grandi carte (nello specifico carta  da “spolvero”) eseguite con grafite, pastelli ad olio e piombo. Una scelta, quella di Primarosa, che propone elementi che appartengono sì alla quotidianità ma non necessariamente “prodotti” dalla propria esperienza, “pesca” ed elabora più in generale nella realtà fatta di oggetti-fiori-animali, elaborati riletti non senza una “critica”che rende il rappresentato ricco di suggerimenti lirici, evocanti un mondo mai normalizzato ma sospeso tra equilibri sempre precari. Queste tre opere esposte come sequenziali, sono disegni-dipinti scanditi da una riquadratura a matita, che funziona anche come suggerimento lievemente spaziale. I soggetti dominanti rappresentati sono il prototipo di sedie dalla forma usuale-comune. Nel primo foglio ne figurano due parzialmente “ancorate” ad un fondo di grafite scura, ma in realtà già in procinto di lievitazione con due rossi e un po’ inquietanti uccelli. Nella seconda carta tre sedie capovolte vaganti nello spazio definite da un bianco con al centro un fiore anch’esso capovolto, un probabile cardo ricavato ritagliato da una lamina di piombo e questo mi rimanda ad un asfodelo che cola o piangente colori. 

Nel terzo foglio l’artista colloca sempre spazialmente in crescendo quattro sedie  evidenziate da un bianco calcinoso che sa di “disinfestante” di una peste passata ma sempre incombente. 

“Donne non si nasce si diventa” scriveva  Simone de Beauvoir e a me piace parafrasare questo assunto in “artisti/e non si nasce ma si diventa” e addizionando per due posso affermare che Lea e Primarosa confermano con il loro sodalizio e profondo impegno tutto questo.   

Bruno Aller - gennaio 2017

Sponsor